Fausto Pagnotta – Comprendere i linguaggi nel Web: una questione di consapevolezza tra storia, società, educazione

* scarica l’articolo in formato pdf

All’inizio del suo famoso testo del 1964 Understandig Media. The Extensions of Man, tradotto in italiano nelle edizioni de il Saggiatore con il titolo Capire i media. Gli strumenti del comunicare, Marshall McLuhan, uno dei massimi studiosi e teorici della comunicazione, scriveva con lungimirante sensibilità che «il “messaggio” di un medium o di una tecnologia è nel mutamento di proporzioni, di ritmo o di schemi che introduce nei rapporti umani» (McLuhan 20113 (1964), p. 30). Per McLuhan quindi la tecnologia può influenzare nel profondo le modalità e la qualità delle relazioni comunicative tra esseri umani.

Mai come in questa nostra epoca dominata dalla diffusione capillare di Internet e delle nuove tecnologie digitali dell’informazione e della comunicazione, l’affermazione di McLuhan ci deve indurre a non sottovalutare come queste tecnologie accolte ed accettate da milioni di persone nella propria quotidianità, spesso in modo passivo, quale dato di fatto inevitabile, stiano in realtà modificando in modo sistematico abitudini, stili di vita, comportamenti individuali e collettivi, nell’ambito della vita sia privata che pubblica, (sui condizionamenti esercitati sugli esseri umani dalla tecnologia informatica, da Internet e dalle tecnologie digitali dell’informazione e della comunicazione vd. ad es. Castells 20082 (1996); Castells 20103 (2001); Castells 20142 (2009); Longo 1998; Longo 20122; Andreoli 2007; Granieri 2009; Bosi 2011, pp. 62-68; Bosi 2013, pp. 245-257; Proserpio 2011; Bonifati Longo 2012), e soprattutto stiano favorendo nuove modalità di comunicazione con la produzione di nuove forme di linguaggio (vd. ad es. Pagnotta 2015). Nel processo comunicativo infatti si deve sempre considerare che l’introduzione di «un nuovo mezzo, non lascia mai immodificato il nostro modo di comunicare» (Bosi 2005, p. 261).

Nel Web assistiamo infatti, come mai è accaduto nella storia del genere umano, «all’ibridazione simultanea tra forme linguistico-verbali, scritte e orali, immagini, siano esse statiche (fotografie, dipinti, disegni, emoticons) oppure in movimento (video di diversi formati e tipologie) e suoni», un «fenomeno questo che potenzia e ridefinisce le modalità dell’agire comunicativo» (Pagnotta 2015b, pp. 23-24) tra esseri umani – si pensi ai social network, ai programmi di instant messaging e alle piattaforme di condivisione di contenuti audio/video quali ad esempio YouTube – il cui effetto e le cui conseguenze nella vita quotidiana di ciascun individuo sono spesso sottovalutati sia dalla popolazione adulta che da quella giovanile, che in gran parte ne è la protagonista (sul rapporto tra preadolescenti ed adolescenti e tecnologie digitali vd. ad. es. con relativa bibliografia Rivoltella 2001; Rivoltella 2006; Giaccardi 2010; Ferri 2011; Mascheroni 2012; Pagnotta 2013, pp. 131-151; Gardner Davis 2014 (2013)).

Persino gli esperti che operano nella loro professione all’interno dei meccanismi più reconditi di Internet e delle nuove tecnologie digitali, come Eric Schmidt, CEO di Google dal 2001 al 2011 e ora Presidente esecutivo della società, e Jared Cohen che dirige Google Ideas, affermano che «Internet è una fra le poche invenzioni dell’uomo che lui stesso non capisce fino in fondo», e questo deficit di comprensione può realizzarsi e ampliarsi a maggior ragione se si evita a priori di sviluppare qualsiasi forma di pensiero critico su Internet stesso e sull’utilizzo delle tecnologie che lo promuovono e lo veicolano, dato che questa invenzione propria della capacità tecnica dell’essere umano può rappresentare, come hanno sottolineato Schmidt e Cohen, una possibile «fonte di bene inesauribile, ma anche di male potenzialmente terrificante, e stiamo iniziando solo ora a vedere il suo reale impatto sul mondo» (SchmidtCohen 2013, Introduzione p. xi).

La Rete nel passaggio al Web 2.0, quindi nella sua dimensione social, da strumento informatico si è caratterizzata quale ambiente di vita e di relazione, uno spazio sociale dove milioni di persone attraverso l’ibridazione tra vecchie e nuove forme di linguaggio esprimono idealità, emozioni, sentimenti, interessi economici, politici, culturali, individuali e collettivi, ma pure nuove forme di disagio sociale, di violenza, di abuso, di discriminazione e di dipendenza (in particolare sul problema della diffusione delle net-dipendenze vd. ad es. Lavenia 2012; Cantelmi 2013; Cantelmi 2013a, pp. 199-212; Cantelmi 2015, pp. 56-64; Lavenia Stimilli 2013, pp. 213-228; LaveniaStimilli 2015, pp. 163-177). Pensiamo ad esempio a fenomeni quali il cyberbullismo, il cyberstalking, il vamping, il sexting, le net-addictions che producono notevoli disagi a livello individuale e sociale, problematiche che sono oggetto di studio interdisciplinare da parte di sociologi, pedagogisti, psichiatri, psicologi, filosofi, giuristi (su tali problematiche correlate ad un utilizzo scorretto e abusato di Internet e delle nuove tecnologie digitali vd. ad es. i contributi in Pagnotta 2013 e Pagnotta 2015).

In tale contesto storico e sociale ignorare quindi il mondo di Internet e delle nuove tecnologie digitali o accettarlo in modo passivo evitando quindi di sviluppare intorno ad esso un pensiero critico che sia al contempo costruttivo e capace di promuovere un utilizzo consapevole della tecnologia, significa sottrarsi alla responsabilità di vivere con consapevolezza la propria epoca storica. Non occuparsi di conoscere e di comprendere i linguaggi che si stanno producendo nel Web significa inoltre andare incontro a una progressiva incomunicabilità ed estraneità generazionale già in parte in atto. Cose non ammissibili soprattutto per coloro che ricoprono ruoli educativi e che non vogliono perdere in modo irrimediabile la possibilità di promuovere e favorire una significativa e proficua relazione comunicativa con le più giovani generazioni. Risulta quindi centrale «interrogarci sui significati che veicolano i linguaggi tecnomediati dalle nuove tecnologie digitali della comunicazione e dell’informazione che sempre più influenzano il nostro modo», soprattutto quello dei giovani, «di dare significato a concetti chiave nella vita sociale e di relazione» (Pagnotta 2015a, p. 4), come accade ad esempio con «la nostra idea di “amicizia” e di “cerchia sociale”» (Boccia Artieri 2012, p. 65), che nella dimensione digitale dei social network acquistano per estensione nuovi significati.

Per conoscere e comprendere quindi in profondità da diverse prospettive alcune delle maggiori problematiche correlate all’utilizzo da parte degli esseri umani di Internet e delle nuove tecnologie digitali dell’informazione e della comunicazione, sul piano educativo si avverte la necessità di aprire spazi formativi e di dialogo su tali tematiche tra mondo della scuola, della formazione, delle famiglie e dell’Università e sul piano della conoscenza e della ricerca scientifica c’è bisogno di promuovere un confronto tra discipline diverse che sappia affrontare le sfide sociali, educative e culturali dell’Età di Internet.

________

Fausto Pagnotta è dottorando di ricerca in Studi Politici presso il Dipartimento di Scienze Politiche dell’Università di Roma “La Sapienza”; collabora con il Dipartimento di Giurisprudenza dell’Università di Parma dove tiene attività didattica in Storia dei diritti umani e in Diritti umani e Web society; di recente ha pubblicato con Mondadori Education Le Monnier Università i due volumi F. Pagnotta (a cura di), L’Età di Internet. Umanità, cultura, educazione, con un’intervista a Maurizio Bettini, Collana Studi, Mondadori Education-Le Monnier Università, Milano-Firenze 2013; e F. Pagnotta (a cura di), Linguaggi in Rete. Conoscere, comprendere, comunicare nella Web society, con un’intervista introduttiva a Giacomo Rizzolatti, Collana Studi, Mondadori Education-Le Monnier Università, Milano-Firenze 2015.

Bibliografia

Andreoli 2007
V. Andreoli, La vita digitale, BUR, Milano 2007.

Boccia Artieri 2012
G. Boccia Artieri, Stati di connessione. Pubblici, cittadini e consumatori nella (Social) Network Society, Franco Angeli, Milano 2012.

Bonifati Longo 2012
N. Bonifati – G.O. Longo, Homo immortalis. Una vita (quasi) infinita, Springer Verlag, Milano 2012.

Bosi 2005
A. Bosi, Il sentimento del tempo e del luogo, Collana «leggerescrivere» n. 12, Unicopli, Milano 2005.

Bosi 2011
A. Bosi, L’identico o della differenza, Collana «leggerescrivere» n. 25, Unicopli, Milano 2011.

Bosi 2013
A. Bosi, Nell’oceano del tempo e dello spazio, in F. Pagnotta (a cura di), L’Età di Internet. Umanità, cultura, educazione, con un’intervista a Maurizio Bettini, Collana Studi, Mondadori Education-Le Monnier Università, Milano-Firenze 2013, pp. 245-257.

Cantelmi 2013
T. Cantelmi, Tecnoliquidità. La psicologia ai tempi di Internet: la mente tecnoliquida, San Paolo, Cinisello Balsamo (Mi) 2013.

Cantelmi 2013a
T. Cantelmi, La postmodernità tecnoliquida. Rivoluzione digitale e mutazione antropologica, in F. Pagnotta (a cura di), L’Età di Internet. Umanità, cultura, educazione, con un’intervista a Maurizio Bettini, Collana Studi, Mondadori Education-Le Monnier Università, Milano-Firenze 2013, pp. 199-212.

Cantelmi 2015
T. Cantelmi, La relazione tecnoliquida: l’amore e l’amicizia ai tempi di Internet, in F. Pagnotta (a cura di), Linguaggi in Rete. Conoscere, comprendere, comunicare nella Web society, con un’intervista introduttiva a Giacomo Rizzolatti, Collana Studi, Mondadori Education-Le Monnier Università, Milano-Firenze 2015, pp. 56-64.

Castells 20082 (1996)
M. Castells, La nascita della società in rete, Feltrinelli, Milano 20082 (The Rise of the Network Society, in The Information Age: Economy, Society and Culture, vol. I, Wiley-Blackwell, Malden (Mass.)-Oxford 1996).

Castells 20103 (2001)
M. Castells, Galassia Internet, Feltrinelli, Milano 20103 (Internet Galaxy, Oxford University Press, Oxford 2001).

Castells 20142 (2009)
M. Castells, Comunicazione e Potere, trad. it a cura di B. Amato – P. Conversano, UBE, Milano 20142 (Communication Power, Oxford University Press, Oxford 2009).

Ferri 2011
P. Ferri, Nativi digitali, Bruno Mondadori, Milano 2011.

Gardner Davis 2014 (2013)
H. Gardner – K. Davis, Generazione App. La testa dei giovani e il nuovo mondo digitale, Feltrinelli, Milano 2014 (The App Generation. How Today’s Youth Navigate Identity, Intimacy, and Imagination in a Digital World, Yale University Press, New Haven (CT, USA) 2013).

Giaccardi 2010
C. Giaccardi (a cura di), Abitanti della rete. Giovani, relazioni e affetti nell’epoca digitale, Vita e Pensiero, Milano 2010.

Granieri 2009
G. Granieri, Umanità accresciuta. Come la tecnologia ci sta cambiando, Laterza, Roma-Bari 2009.

Lavenia 2012
G. Lavenia, Internet e le sue dipendenze. Dal coinvolgimento alla psicopatologia, Franco Angeli, Milano 2012.

Lavenia Stimilli 2013
G. Lavenia – S. Stimilli, L’identità nell’era del Web: rischi e psicopatologie delle nuove tecnologie digitali, in F. Pagnotta (a cura di), L’Età di Internet. Umanità, cultura, educazione, con un’intervista a Maurizio Bettini, Collana Studi, Mondadori Education-Le Monnier Università, Milano-Firenze 2013, pp. 213-228.

LaveniaStimilli 2015
G. Lavenia – S. Stimilli, Linguaggi della net-dipendenza e dell’isolamento tecnomediato: tra sintomi e primi approcci d’intervento, in F. Pagnotta (a cura di), Linguaggi in Rete. Conoscere, comprendere, comunicare nella Web society, con un’intervista introduttiva a Giacomo Rizzolatti, Collana Studi, Mondadori Education-Le Monnier Università, Milano-Firenze 2015, pp. 163-177.

Longo 1998
G.O. Longo, Il nuovo golem. Come il computer cambia la nostra cultura, Laterza, Roma-Bari 1998.

Longo 20122
G.O. Longo, Homo technologicus, Ledizioni, Milano 20122.

Mascheroni 2012
G. Mascheroni (a cura di), I ragazzi e la rete. La ricerca EU Kids Online e il caso Italia, La Scuola, Brescia 2012.

McLuhan 20113 (1964)
M. McLuhan, Capire i media. Gli strumenti del comunicare, prefazione di P. Ortoleva, postfazione di P. Pallavicini,
trad. it. di E. Capriolo, il Saggiatore, Milano 20113 (Understanding Media. The Extensions of Man, McGraw- Hill, New York 1964).

Pagnotta 2013
F. Pagnotta (a cura di), L’Età di Internet. Umanità, cultura, educazione, con un’intervista a Maurizio Bettini, Collana Studi, Mondadori Education-Le Monnier Università, Milano-Firenze 2013.

Pagnotta 2013a
F. Pagnotta, La società, i giovani e le nuove tecnologie digitali: il ritardo educativo italiano, in F. Pagnotta (a cura di), L’Età di Internet. Umanità, cultura, educazione, con un’intervista a Maurizio Bettini, Collana Studi, Mondadori Education-Le Monnier Università, Milano-Firenze 2013, pp. 131-151.

Pagnotta 2015
F. Pagnotta (a cura di), Linguaggi in Rete. Conoscere, comprendere, comunicare nella Web society, con un’intervista introduttiva a Giacomo Rizzolatti, Collana Studi, Mondadori Education-Le Monnier Università, Milano- Firenze 2015.

Pagnotta 2015a
F. Pagnotta, Linguaggi in Rete: una questione aperta sul domani, in F. Pagnotta (a cura di), Linguaggi in Rete. Conoscere, comprendere, comunicare nella Web society, con un’intervista introduttiva a Giacomo Rizzolatti, Collana Studi, Mondadori Education-Le Monnier Università, Milano-Firenze 2015, pp. 1-6.

Pagnotta 2015b
F. Pagnotta, La globalizzazione digitale e i linguaggi in Rete: società e storia di fronte al futuro, in F. Pagnotta (a cura di), Linguaggi in Rete. Conoscere, comprendere, comunicare nella Web society, con un’intervista introduttiva a Giacomo Rizzolatti, Collana Studi, Mondadori Education-Le Monnier Università, Milano-Firenze 2015, pp. 17-33.

Proserpio 2011
L. Proserpio, Comportamenti digitali. Essere giovani ed essere vecchi ai tempi di Internet, Egea, Milano 2011.

Rivoltella 2001
P.C. Rivoltella (a cura di), I rag@zzi del web. I preadolescenti e Internet: una ricerca, Vita e Pensiero, Milano 2001.

Rivoltella 2006
P.C. Rivoltella, Screen generation. Gli adolescenti e le prospettive dell’educazione nell’età dei media digitali, Vita e Pensiero, Milano 2006.

SchmidtCohen 2013
E. Schmidt – J. Cohen, La nuova era digitale. La sfida del futuro per cittadini, imprese e nazioni, Rizzoli, Milano 2013 (The New Digital Age. Reshaping The Future of People, Nations and Business, A. Knopf/Random House Publication, New York 2013).